Navigazione veloce
Plessi e strutture > EuroLab

EuroLab

L’EuroLab si compone di N° 12 postazioni multimediali  linguistiche attrezzate con terminale PC, monitor, scheda audio e cuffie, server alla cattedra, lettore video, registratori ed un apparecchio televisivo. Un settore del laboratorio è adibito a Biblioteca linguistica con circa 690 volumi di letture graduate in lingua inglese e francese, cassette, CD audio e software specifici. Il materiale è catalogato su computer ed esposto alle pareti dell’aula per una facile consultazione e per il prestito autogestito). Questo laboratorio polivalente è stato realizzato grazie ad un generoso contributo della “Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia”.
Eurolab
La nostra realtà scolastica, da diversi anni ha privilegiato e potenziato l’uso delle nuove tecnologie in quanto, opportunamente integrate con le metodologie della didattica tradizionale, si ritengono ottimi strumenti di diversificazione pedagogica e di ampliamento del sapere.
Premesso che l’informatica e la multimedialità hanno modificato i processi di conservazione e trasmissione delle conoscenze, i nostri laboratori sono nati:
  • per consentire alla scuola nel suo insieme di svolgere un nuovo ruolo, al passo con i tempi, in quanto l’informatica è diventata il polo delle trasformazioni della società moderna;
  • per rispondere ad una esigenza sempre più evidente nella scuola dell’obbligo: individuare strumenti e metodi stimolanti e moderni, che facilitino il processo insegnamento-apprendimento in base all’algoritmo “relazioni-motivazioni-apprendimenti”;
  • per usare in termini educativi e culturali le “tecnologie digitali”, rendendole a tutti gli effetti “tecnologie cognitive”,funzionali alla comunicazione e alla conoscenza;
  • per favorire un tipo di apprendimento interattivo in grado di diversificare l’offerta formativa;
  • per sviluppare l’individuazione dell’insegnamento al fine di migliorare ogni stile e ritmo di apprendimento.
Così intesi, i nostri laboratori si configurano come “centri integrati per la conoscenza, per il metodo e per le educazioni trasversali” e l’utilizzo dello strumento informatico non viene concepito come “materia autonoma”, ma come supporto metodologico, strategico e motivante, utilizzato per arricchire le varie discipline curriculari durante l’iter normale di studio e per facilitare il processo di insegnamento-apprendimento. Questi laboratori, offrendo contemporaneamente i diversi linguaggi di comunicazione (verbali e non verbali) e i relativi software applicativi, permettono agli alunni di esprimersi non solo attraverso i comuni usi (gestione file, elaborazione testi, foglio elettronico, creazione grafica, etc.), ma anche attraverso nuovi linguaggi (creazione ipertesti, utilizzo della rete informatica, etc.).
I laboratori diventano cosìun “importante supporto metodologico-didattico di tutte le opportunità formative della scuola”.
In sintesi le attività svolte nei laboratori mirano a:
  • migliorare e ampliare l’offerta formativa delle varie attività curriculari, integrative e delle educazioni trasversali;
  • superare il disagio scolastico e sociale;
  • concretizzare il processo formativo-orientativo atto a potenziare specifiche capacità e attitudini ed a soddisfare gli interessi.
Le principali attività che si svolgono nel Laboratorio Multimediale  di Lingue Straniere sono:
1)      Attività “Lezioni di Lingua Straniera”
Ogni classe utilizza un software corrispondente al libro di testo per:
  • svolgere unità didattiche di recupero e potenziamento scritte e orali attraverso esercizi interattivi di vario tipo (completamento, scelta multipla, abbinamento, classificazione, ascolto, ripetizione, …);
  • eseguire esercizi graduati per la preparazione all’esame KET.
2)      Attività “Elaborazione prodotti multimediali”
creare e/o analizzare presentazioni multimediali su argomenti di studio (testo in lingua+immagini+movimento+suono).
3)       Attività “Redazione corrispondenza con l’estero”
utilizzare le applicazioni di video-scrittura al fine di redigere e stampare lettere per la corrispondenza con l’estero.
4)      Attività “Biblioteca Lingua Inglese e Lingua Francese”
  • indirizzare alla lettura gli alunni, sia in ambito domestico che scolastico, affinché acquisiscano un metodo di lavoro più approfondito, partendo quindi da semplici curiosità per giungere ad una capacità di lettura estensiva;
  • catalogare e autogestire il prestito dei testi attraverso il computer.
5)      Attività “Lettore video – TV”
presentare video cassette relative ad aspetti di civiltà e cultura dei paesi di Lingua 2 e Lingua 3.
6)      Attività “Tutoraggio”
favorire esperienze di tutoraggio, condotte dagli alunni della Scuola Media agli allievi di quinta Elementare nei primi passi dell’apprendimento della Lingua Inglese attraverso l’uso del computer.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi